mafia su limbiateIl Partito Democratico di Limbiate ha presentato un’interrogazione al Sindaco per chiedere se abbia intrapreso (o intenda farlo) qualche azione per tutelare il buon nome di Limbiate e della cittadinanza, a seguito di un articolo di giornale (Il Giorno del 23/10/2017) in cui il Presidente dell’Osservatorio Antimafie, Marco Fraceti, ventilava di zone d’ombra anche su Limbiate dopo lo scioglimento del comune di Seregno.

Riteniamo doveroso intraprendere queste azioni, per sgombrare il campo da qualsiasi illazione sulla nostra città, in un momento in cui inchieste molto gravi colpiscono le Amministrazioni pubbliche di Comuni a noi vicini.

 

L'interpellanza del PD

OGGETTO: INTERROGAZIONE – Dichiarazioni di Marco Fraceti, fondatore dell'Osservatorio antimafie di Monza e Brianza.

Premesso che
in data 23 ottobre 2017 è stato pubblicato sulla pagina di Monza e Brianza del “Il Giorno”, un articolo a firma di Dario Crippa dal titolo "Seregno? Non è l'unico Comune da sciogliere in Brianza" nel quale viene riportata un’intervista di Marco Fraceti, fondatore dell'Osservatorio antimafie di Monza e Brianza.

Considerato che
nell’articolo, il Sig. Fraceti fa dichiarazioni molto forti, lesive dell’immagine del Comune di Limbiate e di conseguenza della buona nome della nostra città;

Visto che
tra le dichiarazioni più imbarazzanti vi è la seguente: «In Brianza ci sono almeno una decina di Comuni che andrebbero sciolti per infiltrazioni mafiose, Seregno ora, prima Desio, e poi ci sono situazioni opache a volte imbarazzanti anche a Limbiate, Cesano Maderno, Carate Brianza, Giussano».

Interroga la Giunta Comunale per conoscere

  1. Quali siano le azioni intraprese per tutelare l’immagine della città di Limbiate;

Distinti saluti

Per il Gruppo Consigliare del Partito Democratico
Il Consigliere Comunale
Sandro Archetti

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito