scuola-berlingBerlinguer: "Allora l'opposizione era meno preparata, io feci quasi 200 provvedimenti cambiando anche la maturità e non ci fu uno sciopero. La prima reazione, fortissima, fu sulla valutazione del risultato dei docenti, ritirai il provvedimento". Lo afferma a La Stampa Luigi Berlinguer, che fu ministro dell'Istruzione dal 1996 al 2000.

"Il mio partito - spiega - ebbe paura. D'Alema e Veltroni in testa. Qui perdiamo voti, mi dissero. Quando si dimise D'Alema, sostituirono anche me. Col tempo s'impara che è vero l'esatto contrario: se non si ha coraggio si perdono i voti. Allora vinse la paura e ora tutta questa roba sta tornando a galla".

scuola052015Rispettiamo il diritto di sciopero ovviamente, ma contestare l'assunzione di 100mila e 700 persone e un investimento di 4 mld di euro nella scuola pubblica è un non senso". Lo afferma la responsabile scuola e università del Pd Francesca Puglisi, che aggiunge: "La preoccupazione di Susanna Camusso che quella disegnata dalla buona scuola diventi una scuola per ricchi non trova fondamento nel contenuto del ddl, poichè oltre alla possibilità offerta ai cittadini di contribuire con il 5 per mille al funzionamento delle scuole, istituisce anche un fondo di perequazione statale del 10 per cento.

ambiente-limbiateTra le importanti e innovative misure per la scuola italiana del futuro inserite nel disegno di Legge 'La Buona Scuola', approvato dal Cdm e presentato ieri sera dal Presidente Renzi, c'è l'inserimento dell'ambiente nei nuovi percorsi formativi. Una scelta importante per accrescere la consapevolezza ambientale nei giovani e la coscienza della cura del territorio nei cittadini di domani.

napolitano-122014Il presidente della Repubblica scrive al giovane studioso che ha lasciato l'Italia. "Il trasferimento all'estero non può essere una scelta obbligata".

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito