limbiate scuola 1Progettata e finanziata dalla giunta di centrosinistra di Raffaele De Luca e finanziata dal governo di Matteo Renzi dopo decenni di continui tagli all'istruzione ed ai comuni.

Il comunicato alla stampa locale dell’Amministrazione Comunale tramite il Sindaco delle destre Romeo, distorce volutamente la realtà dei fatti attribuendo i meriti del finanziamento alla Regione Lombardia e al presidente Maroni (campagna referendaria?) mentre essi sono solo ed esclusivamente "obbligati alla gestione" del bando vinto dal Comune di Limbiate.

Il "merito" dell'attuale Amministrazione, a parte qualche cartello e la recinzione del cantiere, è quello di cercare di gestire al meglio i progetti e le realizzazioni fatte dalla precedente, cosa che da quanto risulta non siano in grado di fare visto che il ritardo dell'avvio dei lavori è imputabile solo ed esclusivamente a loro. Perchè l'aver sbagliato a bandire la gara per la direzione lavori ed il coordinamento alla sicurezza non è vero che non produce rallentamenti, i lavori subiranno certamente ritardi.
Infatti esiste in Italia il D.Lgs. 81/2008 che prevede la nomina del Coordinatore all'esecuzione prima dell'inizio di qualsiasi attività lavorativa riguardante cantiere. In quest'ultimo caso il Coordinatore deve essere nominato preventivamente all'inizio dei lavori in quanto deve valutare i contenuti del piano operativo di sicurezza delle imprese che per norma deve essere presentato prima dell'inizio dei lavori.

Nonostante tutto il Partito Democratico è fiero che i lavori inizino, convinti che la nuova scuola, voluta con determinazione, sarà una scuola all’avanguardia, un fiore all’occhiello per il quartiere e per l’intera città di Limbiate.

Sin da ora ci impegnamo a vigilare costantemente affinchè la realizzazione dell'opera non subisca ulteriori ritardi o modifiche peggiorative, lo dobbiamo alla nostra intera comunità.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Privacy e Cookie.