tram100anni29112015Finalmente la Regione Lombardia ha investito 13.6 milioni di euro per la messa in sicurezza della linea del tram Milano-Limbiate. Il finanziamento è stato concesso per interventi urgenti di ammodernamento e adeguamento alle norme di sicurezza dell’attuale linea tramviaria.  A questi si aggiungeranno anche ulteriori 20 milioni di euro per l’acquisto di altre vetture.

Il “trenino” di Limbiate costituisce un importante patrimonio per la storia dello sviluppo dei trasporti della Provincia di Milano e del comune stesso, tanto che le storiche carrozze della linea sono dei veri pezzi da museo.

Ad oggi l’Ufficio ministeriale che vigila sulla sicurezza dei trasporti ad impatti fissi (Ustif), ha più volte minacciato l’interruzione del servizio, il primo avvertimento era del 2012, a causa di mancati adeguamenti alle norme di sicurezza.

Così, la ragione ha concesso un fondo per l’acquisto di un numero sufficiente di nuovi tram necessari a dare continuità all’attuale esercizio tramviario (indicativamente 6 o 7 nuove vetture) e soprattutto per la messa in sicurezza delle varie linee.

Nonostante tutto è necessario ricordare che il bilancio previsto dal comune di Limbiate, per il rilancio della linea Milano-Limbiate, è di 200mila euro.

“Indubbiamente le tempistiche non saranno brevi – dichiara il sindaco di Limbiate Antonio Romeo – l’importante è che ci siano stanziamenti nei bilanci comunali. – Continua poi il primo cittadino di Limbiate – Il progetto è stato deciso nel mese di dicembre. È stata riconosciuta l’importanza di questa linea che non poteva essere tagliata. Personalmente credo che ad oggi sia fondamentale progettare un collegamento veloce con Milano Malpensa”.

da mbnews.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Privacy e Cookie.