Circolo PD Limbiate
ban tess 22 alto
Pace in Ucraina
Piazza Tobagi Limbiate 2026

Manco da Mombello da qualche anno, la vita mi ha portato altrove, da questo luogo che i miei suoceri, con parole di meraviglia, mi raccontavano sempre di quanto fosse stato, nell’anteguerra, un paradiso di pini che nascondeva­no trattorie frequentate dai milanesi in fuga dalla città alla ricerca di sapori genuini.

Certamente una visione bucolica oggi introvabile, come in buona parte della Brianza e dell’hinterland milanese, ridotti per dirla con Gadda, ad una «sequenza continua di capannoni ed orride villette» lo scempio ottenuto da una pianificazione del territo­rio inesistente, costruisci dove e come ti pare, il messaggio veicolato. Pazien­za, attendiamo tempi e città migliori, confidando nella sapienza degli am­ministratori, edificanti nei progetti ma possibilmente parchi nelle cubature.

Questi pensieri mi sollecitano a cam­minare. Scendo da Mombello, lungo la ciclabile che porta al centro, un’opera a suo tempo opportuna per la comodità e la sicurezza dei tanti cittadini che avevano necessità, o solo desiderio, di transumare in città con le gambe di San Francesco, a fianco dei motori della Monza-Saronno, ma stando al si­curo. Soluzioni meritevoli di moltiplica­zione sul territorio. Con il passo giusto, il lento piede del viaggiatore curioso, lo sguardo ritrova ancora il verde dei campi, lo spazio del respiro.

Ma quando arrivo in piazza Tobagi ho un soprassalto, dov’è finita «quella» piazza dove i miei ragazzi hanno gio­cato e perfino suonato?  Quella piazza che ricordavo essere luogo di in­contro e svago della cittadinanza in un brulichio di persone festose multicolori, durante il mercato settimanale ma an­che in ogni pomeriggio aperto di sole?
Pochi anni che manco, non un decen­nio, ed ora quella piazza è scomparsa, perché lo sguardo impatta un edificio che ne occupa buona parte, il resto sono auto parcheggiate, ciò che era un fiore all’occhiello per lo sviluppo della Porta Nord è sparito nel cemento.

Non mi capacito, chiedo lumi in giro, è la modernità, sono i nuovi bisogni, mi si dice. Non capisco lo scambio, una piazza così viva, non un rudere am­malorato, ora ridotta a monofunzione privata?
Qualche anziano mi sorride allargando le braccia, ma noi «sumarell» cosa pos­siamo capire?

I bambini sono migrati alla ricerca di altri luoghi, le biciclette scendono velo­ci, quasi a non voler vedere, verso un ponticello che scavalca il Garbogera, a due passi dal centro. Ma non siamo ad Amsterdam, e Limbiate ha una piazza in meno. Venduta. Immobiliare Piazza Tobagi Real Estate.

Roberto Tosi

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito