PD Limbiate
banner europee

bongini-loriano-limbiateLa notizia ci ha procurato un tonfo al cuore. È morto Loriano. Si, sapevamo che era malato, sapevamo anche che si stava cercando il vero motivo di questo malore e che, lo speravamo ardentemente, alla fine si sarebbe trovato il rimedio. E lui, che con la sua dolcezza ha sempre affrontato e superato le grandi sfide della vita, eravamo certi che avrebbe fatto il possibile anche questa volta. Purtroppo il Cavaliere del lavoro Loriano Bongini ora non c'è più.

È facile raccontare cosa è stato per noi che nel PD abbiamo percorso più di quarant'anni assieme; dall'allora PCI di Gramsci, Longo e Berlinguer, così a lui piaceva ricordare, poi nel PDS e dei DS i molti anni di militanza politica svolta anche nella nostra città.

cesare-pasettiCesare Pasetti (ma i limbiatesi lo chiamavano semplicemente Cesarino) è nato il 30 agosto 1923 a Torre de' Picenardi – Cremona da padre operaio in un caseificio della zona e madre bracciante contadina.

Nel 1930 emigrano a Limbiate nella speranza di trovare lavoro come contadini nelle terre della contessa Medolago e scampare dalla fame patita sino ad allora; la cosa non è possibile ed allora si cerca la via di un permesso di lavoro da parte della Snia di Varedo. Ottenuto il documento, l'umiliazione del padre avviene da parte dell'ufficio di collocameno fascista di Cesano Maderno quando il funzionario gli straccia in faccia il permesso.

Cesare cresce comunque in una famiglia dignitosa anche se a Limbiate, sin da allora venivano tacciati di “stranieri” tutti coloro che vi giungevano da fuori paese.

limbiate-25042016Qualcuno vorrebbe cancellare la celebrazione del 25 Aprile e si riempie la bocca di frasi tipo “prima l’Italia e gli italiani”.

Il 25 Aprile si celebra la festa della Liberazione.

La Liberazione dalla schiavitù, perché tale è stata la vita in Italia nei vent’anni di nazi-fascismo. L’Italia era schiava di persone e di un’ideologia che non ammetteva la pluralità di pensiero.

Chi partecipò alla lotta di Liberazione lo fece perché l’Italia, da sempre terra di conflitto di altre potenze straniere, potesse tornare a brillare per la sua storia, la sua cultura, la sua bellezza. Perché tornasse ad essere fucina di idee come sempre lo è stata per secoli.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Privacy e Cookie.