PD Limbiate

antenne limbiateCorreva il gennaio 2014 quando un gruppo di residenti del Ceresolo nota alcuni lavori intorno alla torre dell'acquedotto di via General Cantore. CAP Holding, proprietaria della torre, ma non del terreno su cui è costruita che è del Comune di Limbiate, autorizza l'installazione di ripetitori di impianti di telefonia mobile, riconoscendo al Comune un affitto per l'occupazione del terreno con le cabine di alimentazione.

Sollevazione popolare: i cittadini non erano stati informati, c'è anche un asilo e una scuola elementare lì vicino e molti sono preoccupati per la propria salute.
Sulle onde elettromagnetiche se ne sentono molte, nessuno può dirsi pienamente sicuro. La protesta era sicuramente legittima e l'intera vicenda poteva essere gestita meglio.

amianto-sui-tettiLa notizia che arriva dal Ministero della Salute è di quelle sconvolgenti. Limbiate è al 42° posto su oltre 8.000 comuni italian, 1° in Brianza e 7° in Lombardia, per morti da mesotelioma.

È un dato molto allarmante, ma che non coglie impreparato Raffaele De Luca che è stato il Sindaco che più si è impegnato contro la “fibra killer”, rimuovendo 6.000 mq di amianto dai tetti delle scuole di via Pace e via Cartesio e per la realizzazione, ormai imminente, della nuova scuola di via Torino al posto di quella vecchia all’amianto.

Agricoltura-socialeProvate a pensare ad un terreno incolto che trova una mano che lo lavora e lo rende prospero; provate a pensare ad un uomo e ad una donna che ha conosciuto il carcere, la miseria, la malattia e trova un luogo in cui tornare a sentirsi capace e utile agli altri; provate a pensare ad una famiglia che in un domenica pomeriggio passa del tempo insieme all'aria aperta scoprendo quanto sia importante il rispetto per la natura, il cibo, la vita stessa.

Provate a pensare a quanto l'agricoltura sia il fondamento di tutta la civiltà umana sommatela al riscatto sociale, al senso di appartenenza e avrete la ricetta dell'agricoltura sociale, un nuovo modo di pensare la coltivazione, non più solo pomodori, grano, insalata ma cultura, solidarietà, identità.

acqua nonno antonioNonno Antonio è un arzillo signore di 87 anni originario del lodigiano, che vive a Limbiate dal 1957. Non ha figli e vive solo, in una bella villetta nella zona del Ceresolo davanti alla quale vi è uno splendido giardino fiorito che nonno Antonio cura con amore.

In questi giorni ha concretizzato ciò che sognava da tempo: avere a disposizione l’acqua per bagnare i suoi fiori, anche d’estate, quando il rischio siccità porta i comuni ha ordinare l’uso parsimonioso della stessa.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Privacy e Cookie.