PD Limbiate

limbiate-25042016Qualcuno vorrebbe cancellare la celebrazione del 25 Aprile e si riempie la bocca di frasi tipo “prima l’Italia e gli italiani”.

Il 25 Aprile si celebra la festa della Liberazione.

La Liberazione dalla schiavitù, perché tale è stata la vita in Italia nei vent’anni di nazi-fascismo. L’Italia era schiava di persone e di un’ideologia che non ammetteva la pluralità di pensiero.

Chi partecipò alla lotta di Liberazione lo fece perché l’Italia, da sempre terra di conflitto di altre potenze straniere, potesse tornare a brillare per la sua storia, la sua cultura, la sua bellezza. Perché tornasse ad essere fucina di idee come sempre lo è stata per secoli.

Agricoltura-socialeProvate a pensare ad un terreno incolto che trova una mano che lo lavora e lo rende prospero; provate a pensare ad un uomo e ad una donna che ha conosciuto il carcere, la miseria, la malattia e trova un luogo in cui tornare a sentirsi capace e utile agli altri; provate a pensare ad una famiglia che in un domenica pomeriggio passa del tempo insieme all'aria aperta scoprendo quanto sia importante il rispetto per la natura, il cibo, la vita stessa.

Provate a pensare a quanto l'agricoltura sia il fondamento di tutta la civiltà umana sommatela al riscatto sociale, al senso di appartenenza e avrete la ricetta dell'agricoltura sociale, un nuovo modo di pensare la coltivazione, non più solo pomodori, grano, insalata ma cultura, solidarietà, identità.

assemblea-22042016-socVenerdì 22 aprile ore 20.30 presso la sede del Circolo PD via Matteotti.

Assemblea generale degli iscritti e elettori PD di Limbiate

Sarà l'occasione per incontrarci ed incontrare chi ha dato la disponibilità a candidarsi nelle liste del Partito Democratico per le prossime elezioni amministrative del 5 giugno.

acqua nonno antonioNonno Antonio è un arzillo signore di 87 anni originario del lodigiano, che vive a Limbiate dal 1957. Non ha figli e vive solo, in una bella villetta nella zona del Ceresolo davanti alla quale vi è uno splendido giardino fiorito che nonno Antonio cura con amore.

In questi giorni ha concretizzato ciò che sognava da tempo: avere a disposizione l’acqua per bagnare i suoi fiori, anche d’estate, quando il rischio siccità porta i comuni ha ordinare l’uso parsimonioso della stessa.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Privacy e Cookie.